Aggiornato al 25 gennaio 2021

In vista dello sciopero generale di venerdì 29 gennaio, per il quale si prevede un’ampia adesione anche dei lavoratori del settore logistica, in via precauzionale, tutti gli ordini arrivati oltre le 11:30 del 28 gennaio saranno evasi a partire da lunedì 1 febbraio. 
Ci scusiamo per il disagio ma preferiamo non rischiare di lasciare pacchi fermi per più giorni nei magazzini dei corrieri.

Per le attività commerciali, laboratori e negozi: le consegne sono possibili solo verso quelle attività/negozi/laboratori/aziende che possono stare aperti in base a quanto disposto dall’ultimo DPCM

Tutte le consegne avvengono senza obbligo di firma (né su cartaceo né su supporto digitale). Il corriere si limiterà a verificare la presenza di qualcuno che ritiri il pacco e ad annotarne il nome seguito dalla sigla CV19 o Covid come prova di consegna. I corrieri non sono autorizzati a lasciare merce incustodita davanti a cancelli o dentro proprietà private senza aver verificato la presenza del destinatario o chi per lui.

Grazie per l’attenzione che dedicherete a questo messaggio