You are currently viewing Creare texture su fogli di metallo senza la bigshot

Creare texture su fogli di metallo senza la bigshot

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Aggiornato al 15/10/2018

Creare texture su fogli di metallo senza la bigshot si può… e, per dire il vero,  se si ha a cuore la propria fantasia si deve. Oggi vedremo in quanti modi possiamo creare texture su fogli di metallo per bigiotteria senza usare soluzioni preconfezionate.  Ci occuperemo in particolare di tutte quelle soluzioni che non prevedono né l’uso della macchina big shot né quello di fogli texture o fustelle. Tutti materiali validissimi che limitano però le vostre possibilità creative e manuali. Se invece preferisci provare la big shot allora leggi il nostro articolo che ti guiderà nella scelta degli spessori adatti.

Creare texture su fogli di metallo

Cominciamo con il mettere sul piatto una serie di attrezzi che vi consentiranno di creare trame e texture sulle lamine di alluminio, rame e ottone indifferentemente. Questi strumenti si prestano a tutti gli spessori o quasi (oltre 1,5mm si può fare più fatica). Il primo è  il martello per metal art. Ne esiste più di un tipo, si va da quello universale (più versatile) passando per quello da cesello fino ad arrivare a martelli con testine texturizzate e texturizzanti.

Quello universale vi consente di martellare direttamente la superficie metallica creando alcuni effetti (bombature, effetto finto ammaccato, curvature effetto movimento…), la sua parte piatta è compatibile con l’uso dei punzoni. Dunque è più che uno strumento di partenza. Questo martello ha infatti due teste, quella stondata sarà uno degli strumenti con cui potrete creare texture su fogli di metallo. Potete eseguire l’operazione su una base in acciaio o dentro il blocchetto di legno per incurvare. 

Il secondo strumento lo abbiamo già nominato: si stratta del punzone. Oggi i punzoni si dividono in due tipi: quelli tradizionali che altro non sono che dei cilindri in acciaio con punte più o meno acuminate, bombate (quasi sferiche) o piatte circolari. Il secondo tipo di punzoni è nato per l’hobbystica, alla sua estremità sono impresse a rilievo delle figure (fiori, foglie, scritte, animali…). Come avrete intuito martellando sul punzone questo imprime una forma, una figura o una trama sul metallo. Usare i punzoni non è però così immediato, dovrete capire come dosare la forza, dovrete avere bene in mente che tipo di trama creare prima di assestare il colpo. A proposito, si deve dare un solo colpo di martello, non troppo forte. 

Creare texture su fogli di metallo: dubbi e domande

Se utilizzate una fresa per lucidare i vostri bijoux in metallo e vi state chiedendo se questa può andare a smorzare la visibilità della texture la risposta è no. Questo non dovrebbe accadere perché le punte lucidanti delle frese (ci riferiamo a quelle più comuni tipo Dremel o Proxxon) non devono scalfire l’oggetto. Di solito sono in silicone. Lo stesso dicasi per l’uso di paste lucidanti associate alla fresa. Fate attenzione però a scegliere sempre la punta giusta.

Se invece vi state chidendo se dopo aver texturizzato il metallo potete usare delle patine la risposta è “si”, con un’ incognita: se avete scelto di carteggiare l’oggetto con carta abrasiva dopo averlo patinato è possibile che la texture vada a sciuparsi. Una soluzione potrebbe essere quella di fare dei test con carta vetrata a grana fine.

Lascia un commento