Lavorare con archetto da orafo: cosa c’è da sapere Gennaio 31, 2020 0 Blog

Lavorare con l’archetto da orafo non richiede grandi conoscenze. Una volta imparato come si maneggia si tratterà quindi di allenarsi.
L’archetto è un corpo unico di solito in acciaio. Lo si usa per tagliare e traforare metallo, cera, legno e plastica. La sua lunghezza è standard: 120-130 mm. Cambia invece la distanza tra la parte esterna e la lama ma solitamente quando è compresa tra i 75 e gli 80 mm ben si adatta a diversi progetti.

La lunghezza dell’attrezzo è regolabile attraverso delle viti a farfalla, questo fa si che si possano riutilizzare anche lame spezzate. Queste ultime devono essere fissate alle due estremità; sarà possibile farlo allentando le viti poste in alto e in basso per poi ristringerle. La lama dovrà essere tesa perché si possa lavorare bene. A questo proposito non dovrete stupirvi se, durante un progetto, vi troverete a doverla risistemare. Questa la scheda tecnica dell’archetto che abbiamo sul sito.

Quanti tipi di lame esistono?



Di solito esistono almeno 3-4 tipi di seghe o lame: tonda ominidirezionale, elicoidale, con denti ben evidenti e con denti meno pronunciati. Per il metallo si usa quest’ultimo tipo e qualche volta la lama tonda. Esistono poi alcune seghe dedicate a metalli particolari ovvero specifiche per acciaio, platino…
Gli spessori delle lame variano da finissimi a più grossi ma è da sapere che non serve una specifica misura di lama per uno specifico spessore di materiale. Con la misura 0 ad esempio potrete muovervi su metalli con un ampio ventaglio di spessori: da 0,40 a 0,60-0,80 mm ma dovrete valutare se il vostro taglio deve essere molto pulito e preciso o meno.
Lame più fini producono tagli più nitidi che non necessiteranno di un lungo lavoro di lima o carta abrasiva e si potrebbero adattare meglio a figure articolate da traforare.

Facciamo un piccolo passo indietro: qual è la differenza tra taglio e traforo? Sono entrambe operazioni fattibili con l’archetto ma mentre il taglio si limita ai bordi di una figura il traforo va a creare dei pieni e dei vuoti (a piacere di crea).
Una volta fissata la lama giusta avrete bisogno per forza di una base da fissare a un piano con un morsetto; una base che quindi sporgerà in fuori rispetto al vostro tavolo. Non è infatti possibile lavorare con l’archetto su un normale piano. La base ha una “V” di entrata che vi permetterà di agire con il seghetto.

Le cose da tenere a mente a nostro avviso non sono molte ma tutte assolutamente da osservare perché si possa davvero utilizzare questo attrezzo. Abbiamo pensato di riassumerle in un breve video


INSERISCI IL TUO COMMENTO

  • *

    Acconsento


SIMILI...
Saldare a stagno bigiotteria si può? Maggio 14, 2020 2 lavorare fili metallici, lavorare metalli

Molte persone che ci contattano ci raccontano di aver provato a saldare a stagno creazioni di bigiotteria o accessori femminili. Da qui in poi, per capirci, useremo il termine generico saldare per intendere l’unione di due pezzi di metallo. Probabilmente alla base di questo tentativo ..

LEGGI TUTTO
Vendere fatto a mano dopo l’emergenza coronavirus – Parte II Aprile 30, 2020 0 web per creativi

Nella prima parte del nostro percorso su fatto a mano e post emergenza Covid avevamo indicato alcune pratiche per individuare a chi vendere facendo a meno dell’opportunità dei mercatini. In questa seconda e ultima parte parleremo più apertamente delle possibilità offerte dalla rete.È ..

LEGGI TUTTO

Cos’è Bottega Gialla

Siamo un negozio on line di materiali per creare gioielli e bigiotteria. Specializzati in prodotti per creare coi metalli, riforniamo privati e professionisti.
Spediamo in tutta Italia con tracciamento e consegna in 24/48 ore.

Recensioni

Iscriviti al nostro canale: